Behringer Xenyx 1202FX

Sezione dedicata alle recensioni di chitarre e strumentazioni varie prodotte da staff e utenti
Rispondi
Avatar utente
admin
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 386
Iscritto il: 17/ott/2004, 20:58
Località: Pisa / Colledimezzo (CH)
Contatta:

06/mar/2014, 14:15

Mixer compatto, leggero, e con un discreto numero di ingressi/uscite, lo xenyx1202fx, per un prezzo vantaggioso di un centinaio d'euro, è una buona soluzione per una piccola sala prove, missaggi "di fortuna" in piccoli locali non attrezzati, feste, ed altre attività del genere. \n\n\n\nLa versione FX comprende un po' di effetti digitali in puro stile behringer: migliori sulla carta che non nella pratica -- ma per dare pane al pane e vino al vino, con 1 mandata effetto, probabilmente selezionerete un riverbero che vi convince di tra i vari disponibili (40, anche se molti sono lo stesso con parametri diversi), e la lascerete li'. \nDifficile che abbiate occasione di avventurarvi in effetti più esotici, e tra i riverberi, qualcosa di usabile c'e'. Occorre fare attenzione a non mandare il banco effetti in clip, cosa che è relativamente facile, e non sempre semplice da evitare visto il profiler minimale. Ben 4 ingressi XLR/jack (con phantom!) più altri 4 stereo solo linea -- come input difficile trovare di meglio in spazi più compatti. Lo spazio è davvero minimo, e ad essere stati sacrificati sono stati i fader per i volumi dei canali, sostituiti da un potenziometro a pomello. \n\nTutto sommato, poco male. I pre Xenyx sono di discreta qualità -- piuttosto silenzioni, con una risposta molto piatta -- anche troppo, certo non hanno la morbidezza di pre di alta qualità, ma la fedeltà in risposta è più che adeguata considerato il fatto che non amplificherete mai l'uscita di questo mixer con un impianto da molte migliaia di watt. Le uscite sono solo jack, ma bilanciate. Scarso il profiler: non c'e' funzione di profile o solo, e ci sono solo 4 segmenti a led: davvero il minimo sindacale. Non sarebbe stato male nemmeno il "mute". Un mixer così piccolo è spesso usato come "personal mixer" -- per esempio lo usavo praticamente come splitter per varie chitarre delle quali usavo però una sola alla volta. Non mi avrebbe fatto schifo mettere in mute le altre. Ci sono anche 2 uscite control room, cuffie, e fx send -- usando fx send, si può usare il potenziometro 'fx', come mandata spia "dei poveri" se si rinuncia all'effetto onboard.\n\nLa channel strip è minimale: tipico equalizzatore a 3 bande sui canali preamplificati (anche qui il minimo sindacale) pan e mandata effetto, oltre ovviamente al gain,mentre sui canali linea le cose sono ancora di meno: pan, volume, switch -10/+4 per la sensibilità, e mandata effetto. Sono presenti i connettore RCA per tape in/out vecchio stile. La costruzione è buona, il mixer è molto robusto, e non ho avuto problemi di "gracchiamento" dei potenziometri in vari anni -- anche se l'ho tenuto protetto quanto non in uso. \n\nNon ha mai dato problemi particolari di groud loop o simili. Uso tipico che ne ho fatto: micro-locale, 1 microfono voce, 1 chitarra, 2 tastiere, 2 batteria elettronica. C'era da tirare a sorte per avere diritto ad un canale con gain ed EQ -- alla fine vincevano i "poveri": chi non aveva controlli di volume o eq alal sorgente si beccava i canali "migliori". \nIl riverbero era usato per la voce ed eventualmente una chitarra acustica. A questo prezzo, è un oggetto degno della fascia di mercato alla quale si indirizza, basta non pretendere che sia una console da studio... \n\nPrezzo € 94 - Musicalstore2005.com\n\n\nAlessandro Tommasi\nhttp://www.bordero.it/
Rispondi